Dell’Alonso perduto, che’ scarpari odiosi alienano e la Curva li ghermisce, e se l’altre non ridono, il Salentin ruggisce.

di RiDotto

Sferragliava ancora il catenaccio a sancire la chiusura del mercato che già si estenuavano polpastrelli e tastiere per rovesciare biasimo indignato e riversare querule commiserazioni su ogni rete, canale e scolo.

Chi vanta libere opinioni le pullula già di pregiudizi: tutti i titolari dell’ultima stagione sono tutt’ora tesserati dell’ ACF Fiorentina. Si concederà almeno che questo decorso estivo di compravendite non ha irreparabilmente svilito quell’organico che ha disputato l’ultimo campionato. Nè al proposito si potrà obiettare la cessione di Alonso: provvidenziale piuttosto che solerti e spediti si sia stipulata, registrata e  incassata per debellare il rischio di venir poi inquisiti per circonvenzione d’incapace.

Se non si è immemori alzi la mano chi alla fine del mercato dell’anno scorso accolse euforicamente l’acquisto di Kalinic oggi preteso (legittimamente) incedibile? Chi l’anno scorso nutriva incrollabile fiducia sulle future prestazioni di Astori? Eppure anche allora scetticismo e dubbio covavano tra gli umori e i malumori del pubblico.

Inoltre, fatta eccezione per l’Antagonista (che chi scrive mai nomina) che pare, provvidenza non voglia, già abbia assassinato il campionato in culla, quale altra squadra si è potenziata in misura tale da alterare gli equilibri dei valori dello scorso campionato? 

Il Napoli ha liquidato (lucrosissimamente) 36 goal, cedendo quel centraventre d’adipe, pipita d’oro a peso; la Roma si è arresa ad abbandonare il suo elemento più dotato e così la Lazio. Il Milan si dibatte in una crisi che ancora lo assilla e il presunto ma già onerosissimo rafforzamento dell’Inter finora non si è convertito in punti e classifica.

Non resta allora che constatare l’insofferenza avversa alla proprietà che alligna tra la tifoseria e che si diffonde contagiosa, e altrettanto constatare che gli scarpari di Casette d’Ete anche a dispetto del loro operato quei sentimenti ostili alimentano pervicacemente perpretando il loro atteggiamento di indifferenza se non di sprezzo installandosi ben al di quà del principio di piacere per parafrasare Freud.

Quelli sbracciano e inveiscono questi irremovibili proclamano per bocca dell’intransigente Cognigni “hic manebimus optime”; sebbene occorra immaginazione alterata  da potente allucinogeno per raffigurarsi il contabile marchigiano pronunciarsi in latino.

Venuto a sapere che la “Curva Fiesole” ha diramato un comunicato stampa per dichiararsi sulla politica societaria ancora mi chiedo se non fosse stato più congeniale per quanto anacronistico ricorrere  un volantino depositato in una cabina telefonica e magari titolato “Risoluzione Strategica 01 16/17” adottando l’antica prassi rivoluzionaria. Se è vero che il medium è il messaggio (ed è vero!), il comunicato stampa è semmai materia da Consiglio di Quartiere, da agenzia interinale, da ordine professionale. Dal passamantagna a passacarte, dal tamburo al timbro, da Ultrà a travet. Cori! Striscioni! Coreografie! La Curva si riappropi della sua lingua: la Curva!

 Chiunque non abbia assistito alla registrazione della conferenza stampa del Direttore Generale Corvino si affretti a recuperarla. Quella suddetta (denigratoriamente) conferenza stampa è culmine di grande teatro. Attenzione!!! Chi scrive lo afferma con cristallina convinzione: non c’è autore contemporaneo che possa rivaleggiare col salentino che qui si innalza apicale fin alla scrittura di scena teorizzata da Artaud! Disarticolando la sintassi, sradicando la parola parlata dal sistema della lingua in un empito incontenibile stravolge ogni convenzione istituita. Trascina gli interlocutori destituendoli dal loro ruolo e trasformandoli in suoi comprimari. Si osservi quando si sofferma sul cosìdetto “Fairplay Finanziario” decostruendolo definitivamente(finalmente!!!) e ancora quando duetta e rilutta con Mario Tenerani della Crusca pervicace assertore del normato periodare e quindi suo antagonista naturale. Mercante levantino, callido e sapiente negoziatore, spesso dotato di facoltà rabdomantiche per rinvenir talentati gli si tributi quest’ ultimo titolo: genio!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...